Tipologie di giocatori nel poker: il giocatore “Rock”…

Iniziamo questa piccola rubrica parlando delle tipologie di giocatori che potresti trovarti di fronte durante un torneo di poker.

Conoscerli e sapere cose pensano e come agiscono, e’ la strategia migliore per batterli.

Il primo tipo di giocatore e’ definito “rock”.

Rock vuol dire “roccia” ed e’ proprio questa la caratteristica fondamentale di questo giocatore.

Proprio come la roccia, e’ un giocatore estremamente difficile da battere, duro, sa sempre quello che fa e lo fa solo se sa di poter ricevere un ottimo profitto dalla sua mossa.

Solitamente questo genere di giocatore e’ un professionista.

Sa calcolare esattamente le probabilita’ che gli arrivi la carta giusta, le combinazioni dei punteggi valutando cosa c’e’ sul tavolo e conosce molto bene tutte le strategie piu’ raffinate del poker.

Insomma, uno di quei giocatori che spereresti di non trovare mai al tuo tavolo.

Da cosa si riconosce il giocatore “rock”?

Lo riconosci dal fatto che punta e punta molto, solo quando ha una mano ottima e sa di poter rischiare il tutto per tutto.

Non punta con mani buone o discrete. In quel caso passa senza pensarci su.

Attenzione a non sottovalutarlo.

Il fatto che resta per molto tempo senza far nulla e si sveglia solo con mani ottime, potrebbe darti l’idea di un bluff.

Infatti questo tipo di giocatore e’ imbattibile nel poker cash, dove i giocatori cambiano spesso ed e’ difficile smascherarlo subito.

Ma come tutte le strategie, anche questa ha i suoi punti deboli.

Essendo un giocatore molto prevedibile, alla lunga e’ facile che gli avversari non lo affrontino piu’ in modo aperto e quindi le possibilita’ di fare grandi vincite diminuisce.

La cosa migliore da fare e’ rubargli i bui cercando di consumargli il piu’ possibile lo stack.

L’unica cosa che con questo giocatore non potra’ mai funzionare e’ il bluff.

Inutile cercare di spaventarlo con puntate pesanti. Se gioca e’ perche’ e’ sicuro di vincere.

 


Related Posts:



Be Sociable, Share!

Scritto da: Emy Camilli

Condividi l'articolo su

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *