Poker legale: qual’e’ la differenza tra giocare .it e .com?

Qual è la differenza tra il giocare su siti .it e su siti [dot] com?

È meglio scegliere una room italiana oppure una internazionale?

Sostanzialmente il problema maggiore riguarda legalità, sicurezza e tutela del giocatore.

Dopo che le Slot Machine sono approdate su internet, lo Stato italiano si è posto il problema di legalizzare il gioco d’azzardo.

Questo è avvenuto il 3 dicembre 2012. Da quel momento anche in Italia è possibile giocare in tutta tranquillità con le Slot Machine online.

L’organo dello Stato che gestisce e si assicura che tutto questo sia legale,  È l‘AAMS, ovvero l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato.

Un tempo quest’organo si occupava solo di tabacchi e di altri monopoli tipo Lotto, Superenalotto e tutte le lotterie nazionali. Ma con la nascita dei casinò online l’AAMS ha iniziato a supervisionare anche questo settore.

Il compito dell’AAMS, per quanto riguarda i casinò online, è di controllare, periodicamente e a campione, che le puntate e/o le giocate siano in regola. Si occupa di gestire tutto ciò che riguarda la parte economica e fiscale delle puntate, ma anche quella sociale, impedendo ai minori di accedere e prestando attenzione anche alle problematiche legate alle dipendenze.

Detto ciò, nelle rooms .com si possono trovare “opportunità” maggiori di quelle .it  perché non avendo l’obbligo di iscrizione e non essendo controllati dallo stato italiano, i bonus non sono tassati e quindi sono più alti. Le vincite sono maggiori, ma i controlli sono assolutamente assenti e quindi si rischia di incappare in qualche sito truffa.

Nelle rooms.it invece, siccome lo Stato italiano chiede ai casinò online di pagare delle tasse obbligatorie per potersi iscrivere all’AAMS quindi bonus e vincite sono minori…

Insomma da un lato la possibilità di vincere tanto ma a discapito della sicurezza e legalità, dall’altro lato la tranquillità di siti controllati, ma con vincite limitate.

Tu cosa preferisci?


Related Posts:



Be Sociable, Share!

Scritto da: Emy Camilli

Condividi l'articolo su

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *