Poker e VPN in spagna interviene il governo

Capita che alcuni utenti, rischiando multe enormi e truffe di qualsiasi genere, utilizzino i VPN per giocare a poker online su portali non autorizzati o, addirittura utilizzino vari account che gli permettono di giocare in modo sicuro sullo stesso tavolo con la conoscenza di un maggior numero di carte.

Il governo spagnolo ha deciso di intervenire sulla situazione, facile foriera di vere e proprie truffe. Sarà quindi la spagna il primo paese europeo a sanzionare l’utilizzo del VPN nei giochi online. Per evitare così cattivi utilizzi, multiaccount e truffe di vario genere, oltre che il gioco illegale.

I residenti in spagna dovranno quindi dire addio al VPN, anche se lo utilizzano in modo legale, senza nessun secondo fine. Il governo vuole infatti evitare in ogni modo che avvengano delle violazioni. Del resto per giocare online non è necessario nascondere l’identità dell’ip, e non si rischia di vedere i nostri dati tracciati anche se non vogliamo e la privacy violata come accade per esempio nella normale navigazione su browser.

Un precedente che farà comunque discutere, dal momento che una mossa del genere potrebbe prima o poi chiudere ai VPN e al loro utilizzo generico.

“I sette anni trascorsi dall’adozione della legge 13/2011, del 27 maggio, che regolano il gioco d’azzardo, consentono una dinamica sufficiente per identificare alcune modifiche all’articolo che possono aiutare nella lotta contro le frodi”. Ha spiegato il governo iberico.


Related Posts:



Be Sociable, Share!

Scritto da: Filippo Carignani

Condividi l'articolo su

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *