Come si gioca a RAZZ

Il Razz (7 Card Stud Low) è un gioco in cui vince il piatto il giocatore che al momento di mostrare le carte ha il punto più basso. Nel razz, ai giocatori vengono distribuite sette carte nel corso della mano, ma solo le cinque carte migliori di ciascun giocatore vengono utilizzate per determinare il vincitore. Diversamente dal Seven Card Stud hi-lo o dall’Omaha hi-lo, il Razz non richiede che la combinazione vincente comprenda 5 carte diverse fra loro e tutte inferiori o uguali all’8.

Nel razz, le scale o i colori non pesano contro una mano bassa, l’asso è la carta più bassa e la miglior mano possibile è la “ruota“: 5, 4, 3, 2, A. Le seguenti mani di razz sono elencate dalla peggiore (n. 1, con scarse probabilità di vincere il piatto) alla migliore (n. 12, il punto migliore possibile):

  1. 5, 5, 5, 3, 2
  2. K, K, J, 4, 3, 2
  3. 2, 2, 7, 6, 5
  4. A, A, 10, 9, 8,
  5. K, Q, J, 10, 9
  6. K, Q, J, 10, 7
  7. 9, 8, 7, 6, 5
  8. 9, 7, 6, 5, 3
  9. 9, 7, 6, 5, A
  10. 6, 5, 4, 3, 2
  11. 6, 4, 3, 2, A
  12. 5, 4, 3, 2, A

Regole per giocare a Razz

Prima che una mano di Razz abbia inizio, tutti i giocatori devono piazzare una piccola puntata obbligatoria detta ante. Ogni giocatore riceve due carte coperte e una scoperta. Quello che ha ricevuto la carta scoperta più alta agisce per primo ed è costretto a fare una puntata obbligatoria, il “bring-in”, che può essere pari alla puntata minore per il limite della partita o alla sua metà (per esempio, in una partita $2/$4, il bring-in può essere di $1 o $2). L’azione prosegue in senso orario intorno al tavolo finché non si conclude il primo giro di puntate.

Nota: per la determinazione del bring-in le carte di pari valore vengono distinte per seme. L’ordine di importanza dei semi è: picche, cuori, quadri e fiori. Quindi, se all’inizio della mano la carta scoperta più alta è la regina e sul tavolo sono visibili la regina di cuori e la regina di quadri, è il giocatore con la regina di cuori quello che deve effettuare il bring-in.

Successivamente, ciascun giocatore riceve una carta scoperta, detta “Fourth Street“. Il primo giocatore a parlare è quello con le carte scoperte con il valore più basso (senza tener conto di scale e colori). Tale giocatore può fare check o puntare. La puntata sarà pari al limite minimo ($2 in una partita con limite di $2/$4).

A questo punto, ciascun giocatore riceve un’altra carta scoperta, detta “Fifth Street“. Il primo giocatore a parlare è ancora quello con le carte scoperte con il valore più basso (senza tener conto di scale e colori).

Nota:

iniziando dalla Fifth Street e per il resto della mano, tutte le puntate vengono effettuate in incrementi pari alla puntata massima ($4 in una partita con limite di $2/$4).

A questo punto, ciascun giocatore riceve un’altra carta scoperta, detta “Sixth Street“. Di nuovo, il primo giocatore a parlare è quello con le carte scoperte con il valore più basso.

Quindi, ciascun giocatore riceve un settima e ultima carta coperta che può essere vista solo dal giocatore a cui viene assegnata. Il primo giocatore a parlare è quello con le carte scoperte con il valore più basso.

Se alla fine dei giri di puntate è ancora attivo più di un giocatore, l’ultimo giocatore a puntare o rilanciare scopre le carte. Se nel giro finale non vengono effettuate puntate, il giocatore che ha le carte scoperte con il valore più basso mostra per primo le sue carte coperte.

Esibizione delle carte – Determinazione del vincitore

Il giocatore con la mano migliore di cinque carte vince il piatto. Diversamente dal Seven card stud hi-lo e dall’Omaha hi-lo, non vi è alcun requisito minimo per vincere il piatto: la mano più bassa, con carte di qualsiasi valore, vince l’intero piatto. Una volta assegnato il piatto alla mano migliore, è possibile giocare una nuova partita di razz.

Se due o più mani hanno lo stesso valore, il piatto viene equamente suddiviso. Non esiste precedenza di seme ai fini della vincita del piatto.

Video dimostrativo

Immagine anteprima YouTube

Related Posts:



Be Sociable, Share!

Scritto da: Pokerinweb

Condividi l'articolo su

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *