Carlo Braccini preoccupato per il futuro del Poker

Il poker non se la passa bene, né sul fronte live, né su quello Online, sempre più ostacolato da legislature e tasse.

Ed ecco che uno dei big nostrani, Carlo Braccini, racconta la sua versione dei fatti.

Per il giocatore serve un vero e proprio miracolo per salvare un settore in profonda crisi.

Eccole sue parole nell’intervista su PokerItalia:

Il mondo del poker è talmente cambiato che è difficile fare anche delle semplici considerazioni. Ai grandi tornei live partecipano i soliti noti, oltre a tanti regular dell’online che si sono arricchiti nei tempi d’oro e che ancora riescono ad emergere in un mondo molto complicato. I più forti, quelli veramente bravi, si sono trasferiti sulle .com, mentre per le .it la situazione è sempre più difficile con l’80% che fino ad ora si è barcamenato con pratiche a dir poco illecite, a discapito della popolazione pokeristica ogni giorno più risicata.

Il Decreto Dignità ha poi creato ancora più incertezze e districarsi è pressoché impossibile. Ha dato una mazzata letale alle testate e social pokeristici. La vedo dura anche per i circoli, ed ammiro la loro tenacia nell’andare avanti, con tutti i rischi che corrono, vivendo alla giornata. I miracoli esistono? Aspetto di vederne uno per salvare il nostro mondo, che personalmente mi emoziona ancora!

Dio del poker, fatti avanti, noi siamo quà!”


Related Posts:



Be Sociable, Share!

Scritto da: Filippo Carignani

Condividi l'articolo su

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *